- Vieni con me?

- si.

Sei così bella

“E non è vero che ci si abitua, si è sempre più stanchi, semplicemente.”
— Bukowski

(via menoparolepiuabbracci)

Magari mi facessi un regalo in quel modo per il diciottesimo

Arrivederci Tristezza

Mi spiace mio caro intelletto 
vattene a letto e dormici su 
che forse il tuo mondo perfetto non è perfetto come dici tu 
scusa mio caro cervello 
sei come un fratello 
adesso anche tu 
levami questo fardello che voglio provare a volare la su 
milioni di libri non servono a niente 
se servono solo a nutrire una mente che mente 
scusa mia cara ragione 
passerò per coglione ma meglio così 
forse in virtù del tuo nome 
vuoi avere ragione 
ma stammi a sentir 
assiomi e teoremi non valgono niente 
se l’occhio non vede che il cuore non senta più niente 
Arrivederci tristezza 
oggi mi godo la mia tenerezza 
perchè non durerà 
perchè non durerà 
scusami ancora mio cuore 
se ho fatto l’amore anche senza di te 
ma sono più duro di un mulo 
ti ho preso per il culo ma il culo è più giù 
miliardi di stelle non dicono niente 
non dicono forse che il cielo è più grande 
più grande di te 
arrivederci tristezza 
oggi mi godo la mia tenerezza 
arrivederci amarezza 
oggi mi godo questa dolcezza 
e domani chissà 
e domani chissà 
e rinascere 
e rinascere 
mi spiace mio caro intelletto 
vattene a letto 
e dormici su.

Il vero problema è che non so cosa cerco.

oltre-uomo:

Prévert, tu, sei poesia

(via cicatricivistose)